Rapha Prestige parte II: Punta in alto e fatti forza

Evidenziando l'ovvio

15 km dalla partenza della Rapha Women's Prestige, appena sopra il Golden Gate Bridge, la faccenda si complica: una salita di 15 km sul Monte Tamalpais, le ultime quattro sul sentiero, con 780 metri di dislivello. Ogni centimetro si sente. La nostra ricompensa: viste spettacolari della costa sottostante, e la soddisfazione di aver oltrepassato quasi un quarto delle salite della giornata.

Dopo il Monte Tam (dove, tra l'altro, quel matto di Gary Fisher iniziò a scendere in picchiata con le bici giù dai sentieri negli anni '70, rendendo il Monte Tam il luogo di nascita non ufficiale della mountain bike), la strada si faceva un po' pianeggiante. Il nulla a parte un panorama mozzafiato e un fastidioso vento contrario per le successive 30 km.

Al km 60, abbiamo saputo di aver mancato di poco il tempo limite. Sapevamo che sarebbe potuto succedere, con il ben poco allenamento invernale. Tuttavia, eravamo dispiaciute. Ci veniva dato un nuovo percorso, 30 km più corto. Dovevamo accettare, e non arrivare alla fine? Oppure fare l'intero percorso, anche se saremmo arrivate con il buio? Desideravamo tutte correre la gara per intero...ma dopo un po' di riflessione abbiamo capito che una o due di noi non avrebbe potuto coprire l'intera distanza. Rischiare di lasciare parte della squadra indietro? Neanche per sogno. Avremmo preso il percorso più breve e tagliato il traguardo insieme, fregandocene dei punteggi.

I successivi 60 kmsono stati dolorosi, sotto un sole cocente ma pittoreschi. Nella città di Fairfax, dovevamo deciderci un'altra volta sul percorso. Scegliere un dolce ritorno di 30 km fino a Rapha, come avevano fatto molte squadre? Oppure una scalata dolorosa e trionfante sui saliscendi chiamati affettuosamente Seven B*tches? Beh, che discorsi: abbiamo scelto il dolore e il trionfo.

Alcune delle pendenze finali erano così ripide che ci risultava impossibile compiere un'intera pedalata. I crampi ci hanno assalito. Ci siamo messe a urlare. Ci siamo fatte forza l'una con l'altra. E ce l'abbiamo fatta! Abbiamo assaporato la vista dall'alto, poi siamo tornate al Cycle Club dove siamo state ricevute con entusiasmo, abbracci, birre e salsicce. Una piacevole sorpresa per noi del Wisconsin, e una conclusione fantastica di una corsa che non dimenticheremo mai.

Grazie, Rapha!


Siamo ispirati dai grandi atleti che corrono con le bici Trek, dai campioni del mondo ai guerrieri del fine settimana. Ci ricordano di sognare in grande, e ci spingono a fare del nostro meglio.


Condividi questa storia

Raccogliamo la testimonianza della squadra femminile Trek alla Rapha Prestige dopo 15 km, nella scalata del Monte Tam e dentro l'ignoto duro e collinoso.


Oppure clicca su:
http://www.trekbikes.com/it/it/stories/2013/04/raphaprestigepart2

Bici (0)

Scegli fino a tre modelli.



アンケート調査へのご協力

およそ10分間のアンケートに答えていただくことで、1万円相当のボントレガー商品を抽選でプレゼント致します。